Brain Zone

LE VIDEOINTERVISTE

VAI ALLA GALLERY

MUSICA E SCLEROSI MULTIPLA:

l’esercizio musicale ne influenza positivamente alcuni aspetti

Fin dalla preistoria si è attribuito alla musica una sorta di potere benefico, utile a tenere lontano le malattie. Anche gli antichi egizi, Romani e Greci, hanno sostenuto l’apporto essenziale della musica nel mantenimento dello stato di salute.

Risalgono ai primi dell’800 le prime ricerche sull’influenza positiva della musica su alcune malattie. In particolare, la musica, agendo sulle funzioni cognitive e sulla sfera emozionale, ha un’influenza benefica nei soggetti con sclerosi multipla, i cui sintomi sono legati a queste due aree.

Uno dei più famosi neurologi contemporanei, Oliver Sacks (1933-2015) sosteneva che: “la musica è uno strumento dotato di enorme potere in molti disturbi neurologici grazie alla capacità, unica, di organizzare o riorganizzare le funzioni cerebrali quando esse siano danneggiate”.

Diverse sono le ricerche che hanno dimostrato gli effetti benefici dell’ascolto della musica sulle funzioni cognitive, sul miglioramento dell’umore, delle interazioni sociali della qualità della vita, funzioni che possono essere più o meno significativamente alterate nei soggetti con sclerosi multipla.

Nei soggetti con sclerosi multipla l’ascolto e la produzione della musica possono migliorare una varietà di funzioni cognitive, quali attenzione, apprendimento, comunicazione e memoria.

L’esercizio musicale è dunque ottimale per migliorare le funzioni cognitive legate all’apprendimento e alla memoria ma soprattutto migliora la capacità di percepire e di comunicare le sensazioni e le emozioni e quindi l’abilità di esprimere sé stessi. È migliorata la capacità comunicativa.

L’esercizio musicale è dunque ottimale per migliorare le funzioni cognitive legate all’apprendimento e alla memoria ma soprattutto migliora la capacità di percepire e di comunicare le sensazioni e le emozioni e quindi l’abilità di esprimere sé stessi.
   

Bibliografia consultata

  • Chan M. F. Wong Z. Y. Thayala N. V. et al. The effectiveness of music listening in reducing depressive symptoms in adults: A systematic review. Complementary Therapies in Medicine 2011; 19: 332–34
  • Moreira SV. Cavalieri França C. Moreira MA. Et al. Musical identity of patients with multiple sclerosis. Arq Neuropsiquiatr 2009; 67(1): 46-49
  • Raglio A. Attardo L. Gontero G. et al. Effects of music and music therapy on mood in neurological patients. World J Psychiatr 2015; 5(1): 68-78
  • Strong J. Music Theraphy in: Encyclopedia of Geropsychology; Pachana N.A. Ed. 2016; 1-7 ISBN: 978-981-287-080-3
  • Thaut MH. Peterson DA. McIntosh GC.et al. Music mnemonics aid verbal memory and induce learning – related brain plasticity in multiple sclerosis. Frontiers in Human Neurosciences 2014; doi: 10.3389/fnhum.2014.00395
  • Thaut MH. The future of music in therapy and medicine; Ann NY.Acad Sci 2005; 1060:303-8

Seguici sulla pagina Facebook BrainzoneIT