Brain Zone

LE VIDEOINTERVISTE

VAI ALLA GALLERY

Anche il cervello invecchia

Quando perdere peso non è sintomo di salute: il cervello che invecchia

Lo sapevate che, dalla nascita e per tutta la durata della vita, il cervello “invecchia” come invecchiano tutte le altre parti del nostro organismo?

Il cervello che invecchia perde anche peso. Pensate che tra i 30 e i 75 anni, in condizioni di invecchiamento normale, il nostro cervello, arriva a perdere fino al 10% del suo peso e del suo volume andando incontro a una condizione cosiddetta di atrofia cerebrale.

Il cervello invecchia in tutte le strutture, anche microscopiche, che lo compongono. Si riduce il numero di neuroni, si osservano degenerazioni dei prolungamenti dei neuroni e i neuroni stessi, l’unità che permette il funzionamento di tutto il cervello, viene sostituita progressivamente da altre cellule con funzioni meno “nobili”.

Il cervello però non invecchia contemporaneamente, allo stesso modo in tutte le sue componenti. Esiste per esempio una zona del cervello chiamata ippocampo proprio per la sua somiglianza al simpatico animale marino, dove si ha una selettiva perdita neuronale durante l’invecchiamento.

Dalla somiglianza con l’animale marino Ippocampo, deriva il nome della zona cerebrale.

Ma l’invecchiamento delle strutture cerebrali ha anche un risvolto sulla “funzionalità” del nostro cervello?
Purtroppo si, col passare degli anni si osserva un declino, anche nei soggetti che non hanno malattie che colpiscono il cervello, di una serie di funzioni cerebrali dette cognitive: apprendimento, memoria generale, capacità di risolvere i problemi e in genere tutte le funzioni che richiedono velocità nell’elaborare le informazioni.

L’invecchiamento del cervello comporta anche una maggiore difficoltà nell’adattarsi all’ambiente, difficoltà che può manifestarsi con “irrigidimento” del carattere e l’eccessiva preoccupazione per fatti di poca importanza.

Esiste comunque una grande eterogeneità nelle tappe dell’invecchiamento cerebrale “normale”: vi sono cioè individui che non mostrano alcun declino delle funzioni neurologiche, incluse quelle cognitive, anche nelle fasi più avanzate dell’età, mentre altri evidenziano precocemente segni e sintomi legati all’invecchiamento stesso.
Lo sapevate che esistono:

- intelligenza fluida, legata alla capacità di risolvere nuovi problemi
- intelligenza cristallizzata, legata particolarmente alle esperienze

e che l’invecchiamento del cervello diminuisce l’efficienza della prima e risparmia invece la seconda.
   
Segui i consigli per tenere in forma e conservare più a lungo possibile le tue capacità cerebrali, che ti rendono quello che sei e che ti danno la possibilità di vivere esperienze uniche e irripetibili. Assolutamente da non perdere.

L’invecchiamento del cervello si può anche misurare! Il declino cerebrale, sia quello correlato con l’età sia quello patologico, espressione di malattie, si può misurare mediante un’attenta valutazione delle funzioni cognitive e dello stato di coscienza. Valutazione che oggi è possibile fare non solo attraverso la somministrazione dei classici test neuropsicologici, ma anche attraverso una valutazione pressochè oggettiva, attraverso tecniche neuroradiologiche di tutte le strutture che compongono il cervello stesso. Grazie a queste tecniche si possono meglio demarcare i confini tra invecchiamento “normale” e “patologico” del cervello. Lo scopo finale è quello di anticipare il più possibile la diagnosi di invecchiamento “patologico”, ma anche di consentire di mettere in atto opportune strategie preventive.

Bibliografia consultata

  • Grossi E. Villa L. Riso C. Invecchiamento, declino cognitivo, Alzheimer; ruolo della cultura nella prevenzione della demenza. In: Cultura e Salute di E.Grossi, A. Ravagnan. Springer-Verlag Italia Ed. 2013: pagg.179-191
  • Mariani C. Clerici F. Azarya S. Il cervello che invecchia. I quaderni della salute 2 a cura dell’Assessorato alla Salute Comune di Milano-2013
  • Moretto G., Alessandrini F. Invecchiamento del sistema nervoso centrale. In: Radiologia Geriatrica di Guglielmi G. Schiavon F. Cammarota T. Springer Ed. 2006; Pagg. 269-275
  • Zucconi G.G. Cipriani S. Balgkouranidou I. La neurogenesi del cervello adulto. In: L’anziano e la sua cultura. Aspetti biologici, psicologici, relazionali. A cura di Carlo Cristini. Ed Grafo-Brescia 2007: pagg.29-47

Seguici sulla pagina Facebook BrainzoneIT